“La preistoria acustica della poesia” di: Brunella Antomarini

INTRODUZIONE
“Perché nella nostra civiltà c’è una cosa come la poesia? E perché non conosciamo una civiltà che non abbia manifestazioni poetiche? Siamo autorizzati a estendere il concetto di ‘poesia’ a manifestazioni simili ma con modalità e scopi diversi dalla nostra? Recitare in versi è già poesia? (…)”

Cliccare per leggere il testo completo

 

 

Share